martedì 30 dicembre 2014

Sarde a beccafico

Una ricetta tra le piu' tipiche e apprezzate della cucina siciliana,perfetta per essere servita sia come secondo piatto che come antipasto,sono le Sarde a beccafico o in siciliano Sardi a beccaficu.Il nome di questo piatto ha origini storiche,deriva infatti da beccafico,il nome di un piccolo uccello dalle carni molto saporite,che durante i periodi estivi era solito rimpinzarsi di fichi fino a diventare piuttosto grasso e di cui i nobili Siciliani, conoscendo il dolce sapore della sua carne,cacciavano per farli cucinare dalla servitu' farciti delle loro stesse viscere e interiora.Un piatto gustoso ma inavvicinabile dal popolo perchè molto pregiato e costoso.Fu' cosi' che nacque la rielaborazione popolare di questa pietanza.Ai piccoli volatili vennero sostituite le piu' economiche sarde e per il ripieno si opto' per una variante molto meno costosa composta da pangrattato e un mix di aromi.
Le versioni piu' conosciute sono quella alla palermitana di cui vi lascero' il procedimento di preparazione adesso e la versione alla catanese,un po' diversa ma sempre semplice da realizzare,basta sostituire nel ripieno meta' del pangrattato con  del pecorino grattugiato e aggiungere aglio o cipolla finemente tritati,inoltre,bisognera' spalmare il composto sulla sarda a cui verra' sovrapposta un'altra sarda,passate nell'uovo sbattuto e successivamente nel pangrattato e fritte.
Ingredienti:
800gr di Sarde
100gr di pangrattato
4 acciughe sotto sale
prezzemolo finemente tritato 
olio di oliva q.b.
1/2 limone
50gr di capperi
50gr di pinoli 
50gr di uva sultanina
sale e pepe q.b.
Foglie di alloro
Procedimento:
In una ciotola contenente dell'acqua tiepida mettere ad ammorbidire l'uvetta.
Nel frattempo preparare le sarde:squamandole,aprendole a libro e privarle delle interiora,delle lische e della testa facendo attenzione a non rovinare la coda,quindi lavatele accuratamente e asciugatele per bene e aromatizzarle strofinandoli su le foglie d'alloro.
In una padella,a fuoco molto basso,fare scaldare un cucchiaio di olio e unire la mollica di pane,mescolando,lasciare tostare per un paio di minuti fino a quando non raggiungera'un bel colore dorato.Far raffreddare e versare il composto in una ciotola,a cui aggiungere l'uvetta scolata e ben strizzata,le acciughe sfilettate e i capperi entrambi dissalati,il prezzemolo,i pinoli,il tutto finemente tritato e regolare di sale e pepe.
Amalgamare bene il composto e cominciare a riempire le sarde,mettendo un po' di ripieno in ognuna  e arrotolare su se' stessa,facendo pero'attenzione a non far fuoriuscire il ripieno e in modo tale che la codina rimanda all'esterno rivolta verso l'alto.
Su una teglia ricoperta con carta da forno,adagiate le sarde ripiene,distanziate tra di loro da una foglia di alloro,cospargere con una manciata di pangrattato e irrorare con olio  e succo di limone,fare cuocere in forno gia' preriscaldato a 180°per  circa 20 minuti.
Buon appetito













6 commenti:

  1. so che sono buonissime, ma non le ho mai assaggiate né fatte, con questa ricetta mi fai venir voglia di mettermi in cucina ^^, buon anno cara!
    flò

    http://lafloppola.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Da fare certamente,devono essere buonissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facili da preparare e buonissime..

      Elimina
  3. Sai che non le ho mai assaggiate? Sembrano molto appetitose!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto gustose,buonissime io le adoro.

      Elimina